Cos’è la valutazione immobiliare? Come si diventa valutatore immobiliare?

Cos’è la valutazione immobiliare? come si diventa valutatore immobiliare?

Cos’è la valutazione immobiliare?

Avere un quadro chiaro circa il valore di un immobile è fondamentale qualora si decidesse di affittarlo o venderlo: proporre un'abitazione o un bene ad un prezzo lontano da quello corretto, infatti, significa rinunciare a somme consistenti (in caso il prezzo sia più basso di quello realistico) o avere grosse difficoltà nel trovare affittuari o acquirenti (in caso di un prezzo più alto del reale valore dell’immobile).

La valutazione immobiliare permette di muoversi, in questo senso, nella giusta direzione, in quanto determina il valore di mercato di uno specifico immobile

Se si desidera avere una valutazione affidabile, è necessario rivolgersi ad una figura professionale competente, ovvero il valutatore immobiliare, il quale sarà in grado di specificare una cifra molto precisa che tenga conto di tutti gli aspetti necessari.

Il valutatore immobiliare riporterà i propri risultati in una perizia di stima, ovvero un documento che attraverso testi, immagini e grafici descrive in modo esaustivo il bene da stimare e ne valuta la natura commerciale ed economica.

Quali fattori influenzano il valore di un immobile?

Gli aspetti che possono influire da questo punto di vista sono davvero tantissimi. Ne elenchiamo alcuni tra i più importanti:

  • destinazione d’uso dell’immobile: casa, locale commerciale, box auto;
  • zona di ubicazione e domanda di mercato nella stessa: città nella quale si trova l’immobile, zona di centro o periferia, vicinanza ai principali servizi o luoghi di interesse;
  • efficienza energetica dell'immobile, ovvero la classe energetica di appartenenza;
  • peculiarità e stato dell’immobile: dimensioni, presenza di giardini, balconi, terrazze, box auto, qualità degli arredi (in caso si parli di un immobile ammobiliato), bellezza estetica, età di realizzazione, luminosità, vista.

Quali sono gli standard di valutazione presi in considerazione?

Gli standard nazionali adottati sono i seguenti:

  • Standard di Valutazione Internazionali (IVS), all'interno del quale sono riportate le best practice internazionali;
  • Standard Europei di Valutazione (EVS);
  • Linee guida per la valutazione degli immobili in garanzia nelle esposizioni creditizie fornite dall'Abi, ovvero l'Associazione Bancaria Italiana, che si riferiscono in modo specifico alle banche;
  • Codice delle Valutazioni Immobiliari, edito da Tecnoborsa.

Quanto vale una casa al metro quadro?

Seguendo l’andamento del mercato immobiliare Italiano, è emerso che ad Ottobre 2020 gli immobili residenziali sono stati messi in vendita al prezzo medio di € 1.908 al mq, con un aumento del 0,79% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Quanto costa far valutare la casa?

La valutazione immobiliare può essere effettuata per diverse ragioni. Per la stima di un immobile potrebbe avere un costo compreso tra lo 0,05% e lo 0,10% del valore del bene.

Chi fa la valutazione di un immobile?

La figura professionale abilitata alla valutazione immobiliare è il valutatore immobiliare.

Pur non essendo richiesta l’iscrizione ad un Albo, la norma UNI 11558 "Valutatore immobiliare. Requisiti di conoscenze, abilità e competenza" definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza del valutatore immobiliare, al fine di garantire una corretta determinazione del valore degli immobili, la tutela del consumatore e trasparenza del mercato.

Vengono richiesti:

  • 3 anni di esperienza nel campo immobiliare;
  • diploma di secondo grado;
  • conoscenze in materia di urbanistica, matematica finanziaria, diritto, economia, estimo, catasto, statistica;
  • competenze nella redazione di rapporti di valutazione secondo gli standard IVS e EVS.

In base alle conoscenze richieste, i valutatori Immobiliari possono essere, in particolare, ingegneri, architetti, geometri, periti industriali e agronomi, ovvero professionisti che hanno ampia conoscenza delle materie indicate.

La verifica della presenza di questi requisiti è affidata ad enti conformi alla norma ISO/IEC 17024:2004 che certificano in modo oggettivo le competenze del professionista.

Come fare per diventare valutatore immobiliare?

Esistono specifici corsi che si occupano di formare la figura del valutatore immobiliare, fornendo un'approfondita conoscenza dei concetti richiesti e sviluppando la capacità metterli in pratica nel migliore dei modi.

Possiamo sicuramente consigliare il “Corso base di valutazione immobiliare” di 13 ore erogato da Soloformazione.it  , riconosciuto dall’Ente Accreditato Unione Professionisti.

Tale corso mira a fornire la corretta preparazione in merito agli standard internazionali di stima secondo gli IVS, EVS e il Codice delle Valutazioni Immobiliari di Tecnoborsa, nonchè le nozioni necessarie per effettuare correttamente perizie immobiliari seguendo gli standard dell'ABI (associazione bancaria italiana), al fine di formare professionisti in grado di valutare gli immobili con criteri adeguati e margini di errore minimi.