Tetto in legno: caratteristiche, vantaggi ed incentivi statali

tetto-in-legno

Il legno è un materiale impiegato da sempre nell’edilizia, grazie alle sue importanti proprietà che lo rendono adatto alla costruzione di ogni tipo di struttura, così come alla realizzazione di singoli parti di un edificio.

Negli ultimi anni, la spinta verso la bioedilizia, il rispetto ambientale e l’attenzione ai consumi energetici ha riaffidato al legno il ruolo di protagonista nelle costruzioni.

Vantaggi del tetto in legno

Il legno è un materiale versatile, resistente e naturale.

Essendo, appunto, estremamente resistente, non richiede una manutenzione frequente: in linea di massima, si potrebbe affermare che è sufficiente un intervento una volta ogni dieci anni per le superfici esterne e un intervento ogni vent’anni per le strutture interne.

La sua leggerezza, inoltre, lo rende particolarmente adatto per la costruzione dei tetti, in quanto gli consente di non gravare sulle strutture sottostanti; inoltre, se assemblato secondo tecniche specifiche della bioedilizia, contribuisce al risparmio energetico dell’abitazione.

Ma vediamo nel dettaglio i vantaggi di un tetto in legno:

  • completamente ecologico: riciclabile e rinnovabile al 100%;
  • antisismico: assorbe le sollecitazioni dovute a terremoti;
  • isolante: particolarmente resistente agli agenti atmosferici, mantiene la casa calda in inverno e fresca d’estate, favorendo un minore impiego degli impianti riscaldamento e climatizzazione.
  • resistente: essendo un materiale molto compatto e resistente, protegge la struttura da umidità ed infiltrazioni;
  • leggero: oltre ad facilmente trasportabile, necessita di mura più leggere, in quanto il suo carico sulle stesse è molto ridotto; una delle conseguenze è un sostanzioso risparmio economico;
  • duttile: potendo assumere le forme più disparate, può fornire originalità e unicità all’aspetto dell’edificio; inoltre, richiede tempi di realizzazione brevi;
  • economico.

Le nuove tecniche di costruzione hanno, inoltre, trovato il modo di incrementare l’efficienza energetica già garantita dalle caratteristiche isolanti intrinseche del legno: il Tetto Ventilato prevede l’installazione di un’intercapedine tra la parte esterna e la parte interna del tetto, in modo da consentire il passaggio naturale dell’aria. Tale continua ventilazione evita la creazione dell’umidità e, quindi una maggiore capacità di mantenere la temperatura interna.

È possibile inserire anche pannelli isolanti al fine di migliorare ulteriormente l’isolamento termico ed acustico.

Tipologie di legno utilizzate

I tipi di legno maggiormente impiegati rovere, castagno,abete rosso e larice.

A seconda del tipo di lavorazione, si parla di:

  • legno massello: non lavorato, presenta nodi e difetti visibili. Le fessure devono essere continuamente sottoposte a manutenzione, ma conferiscono alla struttura un design ed un fascino unici, tanto che le travi a vista vengono spesso impiegate come elemento architettonico;
  • legno lamellare: realizzato dalla sovrapposizione di diverse tavole in legno (lamelle), essiccate, pressate ed incollate tra loro al fine di creare pannelli che possono avere diversa lunghezza e spessore. Il legno lamellare non presenza di crepe e fessure e, pertanto, oltre ad essere molto resistente agli incendi, richiede poca manutenzione e non subisce cambiamenti nel corso del tempo.

Bonus e incentivi statali

L' Ecobonus concede un’ agevolazione che consiste in una detrazione dall'Irpef o dall' Ires per le spese, sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2020, volte a favorire l’esecuzione di interventi che migliorino il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti,

L’Ecobonus consente di detrarre fino al 75% delle spese fatte per la realizzazione di impianti e ristrutturazioni in chiave di efficienza energetica, tra le quali può ovviamente rientrare anche il rifacimento del tetto, se utile a contribuire allo scopo.

Tetto in legno: a chi rivolgersi?

Per la progettazione e la costruzione di tetti in legno è ovviamente opportuno rivolgersi a dei tecnici specializzati nel settore, che abbiano seguito un’adeguata formazione a riguardo.

Soloformazione.it offre una valida opportunità in tal senso, con un corso, riconosciuto dall’Ente Accreditato Unione Professionisti e dai collegi dei maggiori ordini professionali del settore tecnico, mirato a fornire a tecnici e professionisti tutte le informazioni e le competenze necessarie per la costruzione attraverso l'utilizzo del legno, con particolare attenzione alla normativa vigente.

Il corso di progettazione di tetti in legno è rivolto a tutti quei professionisti che vogliono specializzarsi in questo settore di ampio sviluppo, come progettisti e costruttori, ovvero:

  • Architetti;
  • Ingegneri;
  • Periti Industriali.
  • Periti Agrari.

É utile ricordare che il corso prevede anche il rilascio di CFP (crediti formativi professionali), che molto professionisti hanno l'obbligo di conseguire per ottemperare alla loro formazione continua.

SCOPRI IL CORSO DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE TETTI IN LEGNO DI SOLOFORMAZIONE.IT